×
Completa le tue informazioni e ti chiameremo immediatamente










×
 
8
NOTTI
Da: Ushuaia
A: Ushuaia
A partire da
US $2.817
Rotta 8 notti

La Rotta di Darwin da Ushuaia

Salpa da Ushuaia e rivivi la rotta percorsa da Darwin a bordo della HMS Beagle, in una crociera di spedizione che solcherà i remoti paesaggi dell'Arcipelago della Terra del Fuoco, situato nell'estremità meridionale del Sud-America. Il nostro itinerario di nove giorni ed otto notti include la visita al leggendario Capo Horn, alla storica Baia Wulaia, al Ghiacciaio Alley, alle vivaci colonie di pinguini delle isole Tucker e Magdalena ed agli spettacolari fiordi che accolgono i ghiacciai Pia ed Aguila. Durante il tragitto potrai osservare le enormi estensioni glaciali dello Hielo Continental della Patagonia, gli esuberanti boschi subpolari e le solitarie spiagge di alcune delle isole, ancora oggi territori liberi dall'influenza della civiltà. Potrai godere di una visione unica di come un tempo era il pianeta terra prima dell'esistenza dell'umanità. A metà del viaggio, giunti a Punta Arenas, mezza giornata ti sarà sufficiente per esplorare questa città dalla ricca storia, architettura e cultura Patagonica, per poi intraprendere il viaggio di ritorno ad Ushuaia.

Date e Tariffe - La Rotta di Darwin da Ushuaia 8 notti

Stagione 2018

Stagione 2019

Stagione 2020

Itinerario

GIO
1

Ushuaia

Inizia così la nostra avventura ai confini del mondo. Dopo un cocktail di benvenuto con il Capitano e il suo equipaggio salperemo per la rotta che ci condurrà, passando attraverso il mitico Stretto di Magellano e il Canale Beagle, lungo le coste della Patagonia e della Terra del Fuoco in un’esperienza memorabile.

Check-in tra le 10:00 e le 17:00 in Avenida San Martín, 409 a Ushuaia.

Imbarco ore 18:00.
 
GIO
2

Capo Horn - Baia di Wulaia

Navigando lungo il Canale Murray e la Baia di Nassau, giungeremo al Parco Nazionale di Capo Horn dove sbarcheremo, sempre che le condizioni atmosferiche lo consentano. Il mitico Capo Horn fu scoperto nel 1616 ed è un promontorio a strapiombo con un’altezza di 425 metri. Per anni ha rappresentato un’importante rotta per i velieri che navigavano tra il Pacifico e l’Atlantico.
Conosciuto come “la fine del mondo”, fu dichiarato Riserva Mondiale della Biosfera nel 2005.
Nel pomeriggio sbarcheremo alla Baia di Wulaia, luogo storico che ha ospitato uno tra i maggiori insediamenti dei nativi canoisti Yámanas. A bordo dell’HMS Beagle, Charles Darwin sbarcò in queste regioni nel 1833. Questi luoghi offrono panorami di grande bellezza per la vegetazione e la conformazione geografica. Giungeremo a un punto panoramico camminando attraverso il bosco australe ricco di faggi neri, faggi australi, cortecce di Winter e felci tra le varie specie.
 
GIO
3

Ghiacciaio Pía – Ghiacciaio Garibaldi

Nella mattinata navigheremo lungo il braccio nordest del Canale di Beagle per giungere e sbarcare nel fiordo Pia. Qui ci attende un’escursione che ci condurrà a un punto panoramico dal quale osserveremo il ghiacciaio omonimo la cui lingua principale si estende dall’alto della cordigliera fino al mare. Nel pomeriggio, arriveremo al fiordo Garibaldi per una camminata attraverso la fredda steppa patagonica lungo la quale saliremo per giungere a una cascata di origine glaciale, punto dal quale potremo godere di un suggestivo paesaggio. Per coloro che rimarranno a bordo, il Comandante orienterà la prua della nave verso il ghiacciaio per offrire una vista panoramica dalle coperte esterne.
 
GIO
4

Fiordo De Agostini – Ghiacciaio Águila – Ghiacciaio Cóndor

Nella mattinata navigheremo lungo il Canale di Cockburn per addentrarci verso il fiordo de Agostini, dove potremo ammirare i ghiacciai che scivolano dal centro della cordigliera di Darwin verso il mare. Sbarcheremo con i gommoni per una dolce camminata intorno alla laguna formatasi con lo scioglimento del ghiacciaio Águila che potremo ammirare da vicino. Nel pomeriggio, a bordo dei gommoni, ci avvicineremo al ghiacciaio Cóndor. Scopriremo come si sono formati i ghiacciai e l’influenza di questi sull’aspra geografia dei canali della Terra del Fuoco.
 
GIO
5

Isola Magdalena - Punta Arenas

L’Isola Magdalena, nello Stretto di Magellano, era un punto di approdo obbligato per il rifornimento di antichi navigatori ed esploratori, e sarà la nostra prima sosta del mattino. Camminando verso il faro dell’isola potremo ammirare le colonie di pinguini di Magellano. La possibilità di sbarco dipenderà dalle condizioni meteorologiche. Viaggiando nei mesi di aprile e settembre l’itinerario seguirà una rotta diversa con uno sbarco sull’Isola Marta alla scoperta delle colonie di leoni marini a bordo dei gommoni Zodiac.

Conclusa l'avventura australe, sbarcheremo a Punta Arenas alle ore 11.30.Imbarco ore 18:00.
Inizia così la nostra avventura ai confini del mondo. Dopo un cocktail di benvenuto con il Capitano e il suo equipaggio salperemo per la rotta che ci condurrà, passando attraverso il mitico Stretto di Magellano e il Canale di Beagle, lungo le coste della Patagonia e della Terra del Fuoco in un’esperienza memorabile.

*È proibito l’uso di bastoni di supporto per macchine fotografiche nell’Isola Magdalena
 
GIO
6

Baia Ainsworth - Isolotto Tuckers

Alle prime luci del giorno, il magnifico paesaggio del Fiordo Almirantazgo e il punto di approdo nella Baia Ainsworth ci sveleranno il suggestivo scenario del ghiacciaio Marinelli e della Cordigliera di Darwin, aprendo un sipario sullo spettacolo della vita che rinasce con il ritiro dei ghiacci. Immersi nel seducente bosco subantartico potremo imbatterci in una diga di castori e, sulla spiaggia o nell'isola, tenteremo di avvistare elefanti marini del Sud America, sia pure non potendo garantire l'avvistamento poiché la colonia si sposta di continuo. L’avventura continua alla scoperta della fauna dell’Isolotto Tuckers con i suoi cormorani e pinguini di Magellano. Viaggiando nei mesi di aprile e settembre l’itinerario seguirà una rotta diversa con uno sbarco nella Baia di Brookes alla scoperta delle bellezze del vicino ghiacciaio.
 
GIO
7

Ghiacciaio Pia - Via dei Ghiacciai

Navigheremo lungo il braccio nord-est del Canale di Beagle per entrare nel Fiordo Pia. Sbarcheremo in prossimità del ghiacciaio Pia godendo di uno spettacolo naturale che, dalla catena montuosa da cui ha origine, si estende imponente fino al mare.

Rapiti dall’incanto del paesaggio continuiamo la nostra avventura sotto lo sguardo maestoso dell’ "Avenida de los Glaciares" (Via dei Ghiacciai).
 
GIO
8

Capo Horn - Baia di Wulaia

Facendo rotta dal Canale di Murray giungeremo alla Baia di Wulaia, territorio in cui storicamente risiedevano le maggiori colonie di indigeni Yamanas e in cui Charles Darwin sbarcò a bordo del HMS Beagle nel 1833. Paesaggi di ineguagliabile bellezza per vegetazione endemica e morfologia che ci immergeranno nel bosco di Magellano per condurci a un punto di osservazione da cui godremo di una vista mozzafiato. Da qui il viaggio prosegue attraversando la baia di Nassau per arrivare al Parco Nazionale di Capo Horn. Scoperto nel 1616, il mitico Capo Horn è un promontorio di rocce scoscese con un picco massimo di circa 425 metri, importante punto di riferimento nella storia della navigazione per i velieri in rotta tra il Pacifico e l'Atlantico. Noto come il “finis terrae” per antonomasia, Capo Horn è Riserva della Biosfera. La possibilità di sbarco dipenderà dalle condizioni meteorologiche.
 
GIO
9

Ushuaia

Ushuaia, la città più a sud del mondo e la più importante città argentina nella Terra del Fuoco.

Sbarco previsto per le ore 8:30.
 
!

NOTA: L’escursioni descritte negli itinerari sono quelle percorse normalmente. L’Armatore si riserva tuttavia, per la tranquillità e la sicurezza dei passeggeri, per la salvaguardia dell'ambiente o in caso di circostanze impreviste o di forza maggiore, il diritto di cancellare o modificare, senza preavviso, parte di questi itinerari. Per le stesse ragioni le partenze o gli arrivi delle navi possono subire delle modifiche. Inoltre, non è possibile garantire l’avvistamento degli uccelli e degli animali dato che la loro ubicazione potrebbe variare.

Ventus Australis

Crociera-Spedizione

Il nome “Ventus Australis”, dal latino “Vento del sud”, riflette l’inclemenza caratteristica del clima della Terra del Fuoco, un fattore che ha determinato lo sviluppo socio-culturale della regione e che è stato testimone di importanti imprese di esplorazione attraverso i canali più meridionali della Patagonia.

 
Pubblicato

6 Indispensable Tips for an Extraordinary Patagonian Adventure

Patagonia is the adventure playground of South America, and tourists flock here for its blend of extraordinary flora and fauna and superlatively tall mountains that are just begging to be hiked. Read More
 
 
 

Vuoi più informazioni?
sales@australis.com
+34 934 970 484